Corsi di cambio, spese finanziarie, ritenute fiscali

Su questa pagina i beneficiari di prestazioni AVS/AI troveranno informazioni riguardanti le variazioni che le prestazioni AVS/AI versate dalla Cassa svizzera di compensazione (CSC) possono subire.

Immagine che illustra il corso di cambio

Corsi di cambio

La conversione delle prestazioni in valuta estera è effettuata dai partner finanziari della CSC quando eseguono il pagamento, al tasso del giorno dell’operazione. La CSC non ha alcun influsso sul corso della valuta al momento della transazione.

La CSC utilizza i servizi finanziari di PostFinance, della BPS (Banca Popolare di Sondrio) e del BPE (Gruppo Santander) per il bonifico dei pagamenti.

La conversione di valuta viene effettuata con il corso definito da PostFinance sulla base del tasso interbancario svizzero. La Banca Popolare di Sondrio e il BPE (Gruppo Santander) utilizzano il loro tasso interbancario nazionale.

Ogni pagamento è menzionato nella valuta di tenuta del conto e il valore iniziale in CHF è indicato nel motivo di pagamento.


Spese finanziarie

La CSC si assume tutte le spese di trasferimento a titolo di ordinante del pagamento: i pagamenti sono «esenti da spese per il beneficiario».

Tuttavia, le eventuali spese amministrative che l’istituto bancario o postale applica all’accredito sul conto del beneficiario sono a carico di quest’ultimo.


Ritenuta fiscale in Italia

Dal 1° gennaio 1992 tutte le prestazioni AVS/AI svizzere versate in Italia sono soggette a una ritenuta obbligatoria di imposta del 5 per cento, prelevata dagli istituti finanziari italiani. Tale ritenuta è retta dalla relativa legge italiana del 30 dicembre 1991 e sostituisce l’imposta sul reddito dovuta dal beneficiario per questa prestazione.

Ultima modifica 28.02.2018

Inizio pagina

https://www.zas.admin.ch/content/zas/it/home/particuliers/paiement-des-prestations/cours-de-change--frais-financiers--retenues-fiscales.html